Nel mese di luglio São Luís do Maranhão è un percorso turistico imperdibile, come se non bastassero le attrazioni in tutto l'anno (un patrimonio storico bellissimo, spiagge, culinaria tipica) in questo periodo la città diventa un palco per la sua maggior festa popolare: la festa di São João.
Chi ha già sentito parlare di "Bumba-meu-boi" (danza tipica con costune di bue), "Quadrilha" (Quadriglia), "Tambor de Crioula" ed altre manifestazioni tipiche dello Stato, ha un'idea della festa che stiamo trattando, ma se è una novità per alcuni, consigliamo di programmare il loro viaggio in questo periodo, in modo da vivere in prima persona ciò che un libro od una fotografia potrebbero vagamente riportare.

Le feste si commemorano in varie parti del Brasile, quella di São Luís in quasi tutto il Maranhão, ma quella di São João ha un gusto tutto particolare, l'energia coinvolge tutta la popolazione, le numerose piazze e le vie si addobbano a festa, con bancarelle di paglia, giochi e deliziosi piatti tipici. Tutto questo fa si che la manifestazione sia tipicamente folkloristica ed unica.
La festa più conosciuta è quella di "Bumba-meu-boi" , commedia popolare con delle belle fantasie, con musica contagiande, e tanta animazione; si uniscono elementi della cultura negra, con quelli indigeni e portoghesi e la commedia narra la storia dello schiavo Padre Francesco, che per soddisfare sua moglie Catirina che era incinta ed aveva voglia di "Linga di bue", ammazza un vitello "Mimoso" che era il più bello ed amato dal padrone, ma una volta scoperto, Padre Francesco fugge con la moglie ed in seguito viene catturato, quando un gruppo di maghi tramite un rito magico riescono a resuscitare il Bue Momoso e da qui comincia tutta la festa.

L'immenso potenziale turistico di Maranhão è stato sempre riconoscito come la più importante strategia per la promozione del suo sviluppo economico. La situazione geografica privilegiata dello Stato e la grande varietà dell'ecosistema incontrati riuniscono le caratteristiche di almeno tre regioni brasiliane: il nord, il nord-est, il centro-ovest, inoltre il piano di Sviluppo Integrale del Turismo si propone di migliore ed impiantare l'attività turistica dello stato con diverse opzioni, sviluppando il Centro Storico, adottando una moderna tecnologia, recuperando e valorizzando il patrimonio storico ed artistico; cooperare con il turismo Nazionale ed Internazionale, tutto per migliorare l'economia e sviluppare maggiormente lo Stato.